L'istituto superiore si presenta

La storia del Vittorio Emanuele II di Genova comincia nel 1846 come uno dei primi Istituti Politecnici del Regno di Sardegna. Nel 1859 la scuola venne inserita nell'ambito dell'Istruzione Superiore in base alla Legge Casati e nel 1865 trasferita nel Palazzo Rostan, in Largo della Zecca, dove ancora si trova. L'Istituto può considerarsi il "padre" di alcuni importanti Istituti di Genova: nel 1921 la sezione Nautica divenne l'Istituto Nautico S. Giorgio, nel 1923 la sua sezione Fisico-Matematica diede origine al Liceo Scientifico Cassini, nel 1967 la sezione Geometri costituì l'Istituto Tecnico per Geometri Buonarroti. Dall'anno scolastico 1995/96 al Vittorio Emanuele II è stato aggregato un altro importante Istituto tecnico commerciale del centro città: l'I.T.C. "M. Tortelli", sorto nel 1918. Nell'anno scolastico 2000-2001, dall'unione con l'Istituto professionale "J. Ruffini", è nata la struttura denominata Istituto Superiore Commerciale "Vittorio Emanuele II - Ruffini".

  • I PERCORSI DIDATTICI

  • LE AULE DIDATTICHE ATTREZZATE E I LABORATORI

  • PROGETTI SPECIALI E ATTIVITÀ (Buone prassi)

    • Nice Cream
      Il progetto consiste nell'ideazione di una cooperativa destinata alla produzione di gelato artigianale. 
      Ascolta
  • CONTATTI

    L.GO ZECCA 4 - 16124 GENOVA
    Telefono: 0102470778
    Fax: 0102512981
    E-mail:
    PEC:


  • PER APPROFONDIRE LA CONOSCENZA VISITA IL SITO DELL'ISTITUTO

Confronta gli istituti superiori

Aggiungi questa scuola al confronto
L'istituto si presenta su:
La Bussola di Radio Jeans
Inserisci il tuo indirizzo:
sicurstrada contest
Formazione, sperimentazione e didattica
Alfabetizzazione mediatica

  Piace a 188 persone
IL PARERE E LE FOTO DEGLI STUDENTI

Sei uno studente dell'istituto VITTORIO EMANUELE II - RUFFINI? Vuoi esprimere il tuo giudizio?
Classifica FGA
Scuole superiori
Indice FGA:59.09/100
Voto medio maturità immatricolati:73.66
Numero medio diplomati per anno:35
Per saperne di più puoi consultare la scheda della fondazione Giovanni Agnelli